Siti Web Fai da te: 9 insidie da evitare durante la creazione del tuo sito

Pubblicato: 26-04-24, da Nicola Di Grazia
[responsivevoice_button rate="1" pitch="1" voice="Italian Male" buttontext="LEGGIMI IL TESTO"]
prezzi sito web
Condividi questo articolo
Tempo di lettura: 6 minuti

I siti web fai-da-te, o Do-It-Yourself (DIY), sono quelli realizzati dagli stessi proprietari, senza la necessità di conoscenze approfondite di codifica o di progettazione web.

È oggi possibile farlo grazie a piattaforme come WordPress, Wix, Flazio o Squarespace. E si trovano su YouTube decine di tutorial, ad esempio "Come creare un sito in 1 ora".

Queste piattaforme sono gratuite, almeno per iniziare con un sito di base, e sono accessibili a chiunque, anche se mancano le competenze professionali nello sviluppo web.

Sono soluzioni ideali se non vuoi spendere soldi, vuoi essere indipendente da terzi ed hai tempo a disposizione.

Aldilà di questi 3 vantaggi, vediamo per quali situazioni non è la soluzione ideale un sito web fai-da-te o quali insidie dovresti considerare, se scegli questa opzione.

Le insidie nascoste nei siti web fai-da-te

In 9 punti suggerisco in cosa stare attenti, se vuoi crearti il sito web in autonomia. Al termine della lettura, capirai anche se sarebbe meglio far sviluppare il sito web da una web agency o hai le competenze minime per proseguire da te e raggiungere un risulatato adeguato con il sito web.

1) Decisioni strategiche contradditorie

Se realizzi un sito web da solo, può succedere di bloccarti su alcune scelte strategiche. O fare scelte controverse, motivate dalle proprie passioni personali, da consigli di persone rispettate ma non necessariamente esperte nel settore, o da tendenze di moda del momento. Se invece ti segue una web agency, non sarai solo: avrai un supporto motivato da dati ed esperienza.

Ad esempio, quando ho chiesto ad un conoscente, non del settore web marketing, come stava andando lo sviluppo del suo sito, iniziato circa 3 mesi fa, mi ha risposto: "Al momento ci sto provando da solo. Ma sono un po' bloccato sul contenuto...". La risposta non mi ha sorpreso.

Un dilemma ricorrente (del lo-faccio-da-me) è su quali e quanti servizi presentare in home page, la vetrina del sito.
Un sito fai-da-te ha la tendenza a presentarne troppi (a volte senza un senso tra la presentazione a colonne o a lista o a tab), oppure ignora i dati della SEO, cioè non considera quello che i visitatori apprezzano di più online.

2) Aspetto non professionale

Un sito web mal progettato può lasciare un'impressione visiva negativa sui potenziali clienti, facendo sembrare la tua attività poco professionale.

Ad esempio, un sito web con un design professionale ha un logo semplice e memorabile.
O per i bottoni: i colori hanno un buon contrasto con lo sfondo, la stessa grandezza, lo stesso comportamento con il mouse over e un abbondante margine attorno ad essi (alcuni consigli dedicati ai bottoni di un sito web).

ux design
Oppure riguardo ai titoli nelle pagine (H1 o H2), io raccomando coerenza: si rispettano le stesse grandezze, gli spessi colori, gli stessi font.

Altri dettagli di grafica, se non coordinati o sobrabbondanti di variazioni, possono far percepire un certo disordine visuale.

3) Esperienza utente frustrante: UX design

Un sito web mal progettato è spesso difficile da navigare e può portare ad un'esperienza utente frustrante, per i visitatori.

Se la user experience è di poca qualità, ad esempio senza l'uso dei Breadcrumb/percorso di navigazione, può far accadere che l'utente si senta perso, non comprenda dove, ad intuito, si trovano le sezioni e gli argomenti più importanti. O ancora, l'utente cerca un box di ricerca ma questo è assente dal sito.

box ricercaI siti web realizzati da principianti sono spesso sprovvisti di un box di ricerca, uno strumento che permette al visitatore
di trovare facilmente la pagina contenente le informazioni di suo interesse. È uno strumento consigliatissimo anche da testi di riferimento dell'UX design, come “Don’t Make Me Think” di Steve Krug.

Può altresi accadere che le pagine siano difficili da "scannerizzare" a colpo d'occhio, per mancanza di grassetti, sottotitoli, corsivi, ecc. Questo aspetto è importante perchè l'intento dell'utente online è, in generale, di capire immediatamente se c'è qualcosa di interessante nella pagina raggiunta e, se lo percepisce, allora leggerà più approditamente il contenuto.

Se non lo cogliesse, allora cambierà sito web. Ed in questo caso, rilevo molte persone che si lamentano di "bounce rate" elevati o che le persone non leggono online, nei loro canali digitali.

Per approfondire, qui scopri i 9 errori più ricorrenti per la user experience.

4) Sito web che diventa sempre più lento

Quando il sito non è creato da un professionista, spesso vengono utilizzati page builder facili da usare o non si scrive il codice HTML e PHP a mano, rendendolo più leggero. Un esempio è l'uso del page builder Elementor: è facile da usare, anche per neofiti, ma produce anche molto HMTL ridondante, che con il tempo appesantisce la velocità di caricamento delle pagine.

Se creeremo un sito web con codice non ottimizzato, probabilmente avremo questi risultati usando Google Page Speed: prestazioni basse, se pur siano curate SEO e le best practice di realizzazione.

prestazioni

Sotto puoi visualizzare un test fatto in termini di velocità: 2,93 secondi di caricamento della home page ottimizzata con l'HTML, contro 10,73 secondi della stessa home page, creata con un  page builder che non ottimizza il codice. Entrambe le home page erano sul medesimo hosting.

5) Sito non responsive per il mobile

Secondo SEMRush, circa l'80% del traffico di un sito web arriva da visite con il mobile (dati americani). Per quello che riguarda una media di miei clienti italiani, la situazione è simile, anche se la percentuale è su circa 70% di traffico originato da dispositivi mobile.

Si deve però considerare che, quando un utente entra in un sito web, ha la tendenza a visitare più pagine e starci più tempo, quando lo sta facendo con un computer desktop. Tempi e numero di pagine viste diminuiscono molto invece con il mobile. Così come aumenta il bounce rate (quando l'utente abbandona il sito dopo aver preso visione di una sola pagina web), da visualizzazioni mobile.

Nello sviluppo di un sito web, le agenzie di web design web non ignorano questi dati e pongono un forte accento sulla responsività mobile, garantendo che il tuo sito funzioni senza intoppi su vari dispositivi.

Così come, sapendo che il bounce rate può cambiare, creano bottoni di conversione ad hoc (con un "padding" abbondante per facilitare la selezione con le dita), quando si tratta di visualizzazione mobile.

Questo approccio non è a pieno cosiderato da chi crea il sito fai-da-te, aumentando ancora di più i bouce rate e peggiornando l'esperienza utente da cellulare.

6) Ottimizzazione SEO

Le agenzie di design web integrano spesso le migliori pratiche di ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) durante la fase di progettazione.

Questo approccio proattivo può risultare in risparmi di tempo e denaro migliorando il posizionamento del tuo sito sui motori di ricerca, la visibilità e il traffico a lungo termine senza la necessità di sforzi SEO estesi in seguito.

7) Branding e storytelling

Tutti i siti web o i depliant, descrivono sicuramente cosa fanno. Cosa offrono.

Molti meno colgono l'opportunità di creare un legame emotivo con i visitatori, cercando di coinvolgerli con il perchè lo fanno. Con quale personalità e quali valori.

Non si tratta di elencarli con un copywriting ovvio, fatto di parole astratte, del tipo "I nostri valori sono l'eccellenza e l'etica" o con l'immagini preconfezionate, già viste centinaia di volte.

Piuttosto si tratta di usare strumenti come lo storytelling e visual storytelling, gli archetipi, la semiotica. Coordinati, nel suggerire una connessione profonda al tuo marchio. E per contribuire nel rendere memorabile la prima visita al sito web.

8) Strumenti di analisi integrati nel sito

Un web developer esperto ti aiuterà ad analizzare il traffico del tuo sito web una volta che è online, offrendo suggerimenti su come ottimizzare il tuo sito e i contenuti per aumentare continuamente le conversioni.

Oppure avrà fornito il sito di strumenti, facili anche per te da consultare, per così capire nel tempo cosa migliorare sul sito web.

Con il sito che ha strumenti di analisi, sarà possibile:

  • Ottimizzazione del tasso di conversione: può suggerire e implementare modifiche per migliorare il tasso di conversione. Ciò significa più visitatori che si trasformano in clienti, aumentando infine le entrate senza aumentare i costi pubblicitari.
  • Miglioramento della strategia dei contenuti: L'analisi del traffico può rivelare quali contenuti sono popolari e coinvolgenti e quali no.
  • Miglioramento dell'esperienza utente: Identificare problemi di usabilità e difficoltà di navigazione tramite l'analisi del traffico può portare a un'esperienza utente migliore.
  • Decisioni basate sui dati: L'analisi del traffico fornisce preziose informazioni che informano decisioni basate sui dati, non su sensazioni o mode.

9) Funzionalità limitate

Se hai bisogno di funzionalità aggiuntive per il tuo sito, come aree per clienti premium protette da password, integrazione con newsletter o capacità di e-commerce, potresti dover affrontare costi aggiuntivi. Oppure potresti anche dover rifare il sito web da zero, perchè ti accorgi che le sue fondamenta non sono state pensate per la nuova funzionalità.

Collaborare con un professionista dello sviluppo web porta una vasta esperienza e know-how: potrà anticiparti quali funzionalità il tuo sito richiederà quando cresce, prevendendo una struttura che posso accoglierle.


Con la speranza che tu abbia trovato utile questo articolo, ti auguro buon lavoro. In caso di dubbi, commenta sotto o entra in contatto per una consulenza mirata allo sviluppo di siti web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

seo

Il tuo sito web ha poche visite?

Migliora il suo posizionamento: chiedi una consulenza SEO.

I 5 articoli più letti

Podcast

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram