Social Marketing: è meglio ottenere Like, Commenti o Condivisioni?

Pubblicato: 07-03-22
Scritto da Nicola Di Grazia
social advocacy

Il Social Advocacy  è un processo - da affiancare alla gestione dei social media - che incentiva i collaboratori/impiegati ad aumentare visibilità e autorità delle proprie pagine aziendali sui social.

Una prima (ed ottima) domanda che viene posta da chi inizia a fare social advocacy (o employee advocacy) è spesso la seguente:

In cosa è meglio incentivare i propri collaboratori per divulgare un post aziendale: un "Mi piace", una condivisione o un commento?

In questo articolo esaminerò cosa succede quando commenti, premi "Mi piace"/"Consiglia" oppure condividi sia su Linkedin, il social network professionale acquistato da Microsoft, sia su Facebook. Analizzando le differenze.

Consiglia, Commenta e Condividi su Linkedin

logoAndy Foote, LinkedIn Brand and Content Coach, sostiene che i contenuti che generano discussioni sono premiati di più dalla piattaforma Linkedin. Questo è il motivo per cui commentare spingerà il tuo post più lontano su Linkedin, più velocemente di un "Consiglia" o di una condivisione.

Per capire meglio, esaminiamo che aspetto hanno "Consiglia", condivisioni e commenti; come sono simili e come si comportano in modo diverso nel tuo feed di notizie di LinkedIn.

Consiglia vs Condividi

Una delle maggiori differenze tra Consiglia di Linkedin e una condivisione (share) è che con un like/Consiglia trasmette la propria approvazione, senza commenti, con appena 1 click. Il gesto di condividere, invece, comporta 2 click: all'utente risulta quindi più faticoso e lo fa quindi con meno frequenza.

reazioni

Le 3 reazioni più popolari su Linkedin (nel rettangolo rosso)

Ma la condivisione offre la possibilità di dare il tuo commento e persino di @menzionare le persone a cui vuoi far vedere il post.

Tra consiglia e condivisione, la seconda opzione è quindi più potente e permette di far uscire il post dalla cerchia di seguaci del profilo aziendale.

I commenti su LinkedIn

La popolarità di un post è definita dalla quantità di tempo che le persone trascorrono a interagire con esso. E nulla lo dimostra di piùche un lungo thread di commenti, sotto un post.

Ci vuole molto più sforzo per lasciare un commento che per premere il pulsante "Condividi" e così facendo si ottengono più benefici di visibilità su Linkedin.

Perché i post pubblicati vengono ordinati in base a ciò che l'algoritmo di LinkedIn ritiene più rilevante, quindi l'aggiunta di commenti stimolanti può aiutare a posizionare il post in cima all'elenco.

I commenti possono includere un ringraziamento all'utente, quando ha condiviso, o porre una domanda aperta.

Il commento è anche un beneficio per lo stesso commentatore: ad esempio, quando commenti un post generato dalla tua azienda o condiviso da un collega, hai la possibilità di mostrare le tue conoscenze in relazione all'argomento, posizionandoti come esperto della materia. L'approccio può portare a creare nuove connessioni, attraverso il valore dei tuoi commenti.

Altri consigli extra per commentare su Linkedin:

  • Aggiungi la tua opinione sull'argomento del post.
  • Menziona esperienze e fatti rilevanti.
  • Coinvolgi le persone rilevanti nella discussione con i tag e @.
  • Includi link bonus o schermate che forniscano ai lettori maggiori informazioni.

In breve: cosa scegliere tra consiglia, condividi o commenta?

Allora quale è meglio? Se hai letto sopra, ti sarà chiaro che in ordine di importanza crescente viene il consiglia, la condivisione, il commento.
I commenti dominano l'algoritmo su Linkedin e non c'è dubbio che i commenti da soli siano superiori anche ai "Consiglia" e alle condivisioni combinate.

L'esperto Foote è d'accordo: "I commenti forniscono più dati dei Mi piace e delle condivisioni; generano anche coinvolgimento. Questo è il motivo per cui molti autori di successo concludono il loro post con una domanda. Capiscono l'importanza di generare una discussione".

Mi piace, Commenta e Condividi nel mondo di Facebook

facebook logoL'employee advocacy può essere incentivato da una azienda/associazione anche su Facebook. Sebbene non sia uno specifico social network professionale, Facebook è il leader dei social in Italia, con 36.7 milioni di utenti attivi (fonte 2021: Vincos).

Su Facebook, le cose sono un pò diverse rispetto a Linkedin anche se i tre tasti di reazione sono simili: qui abbiamo mi piace, commenta, condividi.
Quale dei tre è meglio incentivare, per un'azione di employee advocacy?

facebook

Le 3 reazioni possibili su Facebook (nel rettangolo rosso)

Secondo Hootsuite, ogni mese l'utente medio di Facebook apprezza 12 post, lascia 5 commenti e condivide 1 volta.

condividi facebookLe condivisioni sono quindi più rare ed impegnano di più l'utente (rispetto al like che è solo 1 click): si deve premere "condividi", poi scegliere tra almeno 7 opzioni, poi cliccare di nuovo...

Ma le condivisioni  sono decisamente più utili, per la pagina Facebook. Infatti, se riesci a condividere i tuoi post su Facebook, la tua community crescerà e otterrai un coinvolgimento migliore. É un azione molto efficace per uscire dalla "bolla" di followers e amici che già ti segue.

La condivisione su Facebook offre una visione approfondita dei contenuti che il tuo pubblico desidera vedere: in pratica dice sia che gli piace il contenuto, sia che lo ritiene tanto valido da metterci lui la faccia nel divulgarlo sul feed personale.

Riassumendo: i "Mi piace" sono buoni, i commenti sono fantastici e le condivisioni sono le migliori, su Facebook!

Condividi questo articolo

Gli strumenti favoriti di web marketing

Gestione SEO logo di Seozoom
Wordpress

wordpress

Google Ads

Google Ads

Videoconferenza

Zoom

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram