Come una PMI può comunicare con i clienti ai tempi del Coronavirus

Se nella crisi si smette di comunicare, la crisi produrrà danni irreversibili tra le parti.

Così, nell’emergenza coronavirus, diventa fondamentale per la piccola impresa non perdere il contatto con i clienti. Se le imprese perdono oggi il contatto emozionale con i loro clienti, il danno commerciale sarà gigantesco alla ripresa.

Quali canali di comunicazione preferire?

In questo periodo le PMI dovrebbero comunicare sopratutto umanamente. Non è consigliato prediligere i canali poco empatici, chiaramente automatizzati, come i chatbot o dei post programmati sui social.

Piuttosto oggi i migliori mezzi, per una comunicazione umanizzata, sono il telefono o un messaggio email o Whatsapp personalizzato (Caro, nome cliente…).

Su Whatsapp, attenzione: specialmente su questo canale, non a tutti piace ricevere messaggi privati, così il messaggio potrebbe essere percepito come qualcosa di invasivo rispetto all’email.

La posta normale la sconsiglio, perché le Poste Italiane – con una pagina dedicata al Coronavirus – invitano ad attivare i loro servizi solo per spedizioni urgenti.

Più brand, meno vendita

La comunicazione d’impresa, ai tempi del coronavirus, si orienta alla comunicazione di valori. Meno alla vendita diretta o le info commerciali, se non strettamente necessarie.

Simbolico è lo spot che BMW sta passando sul proprio sito, con Alex Zanardi e l’hashtag #InsiemePerRipartire: non vendono niente, piuttosto ci danno una luce di speranza.

Attenzione dunque a non essere troppo venditori in questo periodo: potrebbe apparire estremamente opportunistico.

Parliamo dunque dei nostri valori; e per chi ce l’ha, parliamo del nostro brand (quando il brand è identità, comunità, valori).

Riassumento

Mi conferma questo intuito, un mio caro conoscente e imprenditore di una piccola impresa toscana, che mi scrive:
In questi gg non ho potuto non notare la soddisfazione dei clienti da me chiamati/contattati…qualsiasi fosse il motivo.
Ci dobbiamo fare vivi con loro….specie quelli già nostri clienti….anche solo x sapere come stanno, se lavorano, se hanno bisogno di noi
.”

Quindi: chiama i tuoi clienti. Ora.

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •